Autunno, occhio ai capelli!

ECCO LE 4 CAUSE DELLA CADUTA DEI CAPELLI IN AUTUNNO E LA SOLUZIONE PER EVITARLA

Si tratta di un fatto fisiologico che non è causa di calvizie definitiva, in questo periodo possiamo perdere fino a 400 capelli al giorno, che vengono però ripristinati nei mesi successivi.

1)SOLE ESTIVO: stare molte ore sotto al sole estivo indebolisce il capello sia nel fusto che nella radice a seguito della disidratazione della cute, e soprattutto all’esposizione nociva ai raggi solari (raggi UV).
2)RITORNO ALLA ROUTINE: stress lavorativo, ritmi frenetici e inquinamento indicano il ritorno alla vita insalubre, che spesso fa anche sentire un po’ giù di morale, ovviamente tutto ciò si riversa sui capelli.
3)GIORNATE PIÚ CORTE: forte incisione sull’equilibrio ormonale, e quindi sulla durata del ciclo di vita del capello, è il cambiamento delle ore di luce nella giornata. Nei periodi di cambio stagionale come autunno e primavera alcuni ormoni, istruiti soprattutto dalle ore di luce, attivano un processo sincronizzato di caduta con un aumento del numero dei capelli che cadono.
4)SIAMO MAMMIFERI! La tipica risposta all’irrigidirsi del clima tipico dei mammiferi, è il cambio del pelo, e vale anche per l’uomo (e la donna!) Nelle stagioni di transizione la caduta spesso aumenta perché l’uomo conserva una manifestazione ancestrale propria di altri mammiferi pelosi: la muta!

Con l’arrivo del freddo perciò non sono solo gli alberi a perdere le foglie, come loro anche gli animali si adattano e perdono il pelo, e le persone i capelli.

Più tecnicamente sia negli uomini che nelle donne  in questo periodo i recettori del capello sono più sensibili allo stimolo degli ormoni androgeni che provocano una caduta temporanea del capello, il defluvio telogenico.

Questo genere di caduta non è quindi allarmante, basta ovviamente accertarsi che terminato il periodo critico, vi siano i nuovi capelli nascenti. Per fare questa semplice verifica basta pazientare un mesetto e osservare la comparsa di piccoli e corti capelli sulla cute, oppure effettuare un semplice controllo con una microcamera tricologia che ingrandisca di almeno 200 volte l’immagine dei nostro cuoio capelluto.

Questo strumento non è un dispositivo medico, ma un microscopio digitale che i parrucchieri più specializzati tengono in salone, e con il quale possono sottoporre questo piccolo test a chi lo chiede, verificando anche la salute del cuoio*.

E’ possibile stimolare la crescita dei capelli più velocemente grazie ai prodotti Revive Procare che grazie ad estratti botanici e ingredienti naturali come la caffeina e il saw palmetto, stimolano la microcircolazione, proteggono il cuoio capelluto e inibiscono l’attività del DHT. Per saperne di più visita www.reviv3.it

 *Il parrucchiere non si sostituisce al medico, ma grazie alla sua esperienza e ai corsi specializzati che può frequentare, può dare suggerimenti a livello cosmetico.